Loading color scheme

  • bambini
Che c'azzecca l'IRC con la Buona Scuola?
Carla Mantelli

Sulle riviste L’Ora di religione e Insegnare Religione del dicembre scorso, Sergio Cicatelli presenta un’analisi della L.107/2015 prestando particolare attenzione alla considerazione che essa riserva all’IRC e agli/alle IdR. La conclusione è amara: la Buonascuola ci ignora completamente, si comporta come se noi IdR e la disciplina che insegniamo non esistessimo.  Vediamo perché e soprattutto quali sono le conseguenze di questa “dimenticanza”.

Approfondisci
Sesso e gender senza pregiudizi
Gianfranco Ravasi

L’articolo del card. Ravasi è un’utile sintesi del testo di Aristide Fumagalli – La questione gender, una fida antropologica -  di cui a un precedente post.

Chi non ricorda le due caselle con M e F dei vecchi documenti pubblici del passato? Il governo australiano ora di caselle ne propone ben 23 e Facebook Usa invita a scegliere il proprio “genere” tra 56 opzioni differenti! Altro che il codificato Lgbt già allargato al Lgbtq, con l’apparizione anche del queer dal genere variabile e indefinibile. La questione del gender, come si usa ormai classificarlo, è divenuta una sorta di vessillo impugnato da fronti opposti, un vessillo piuttosto sbrindellato, dai colori “arcobaleno” (con tutte le semantiche metaforiche che si assegnano a questo delizioso fenomeno di rifrazione solare).

Approfondisci
Il contributo della religione alla convivenza civile
Donatella Vignali

Ci si può domandare, in una prospettiva di laicità "positiva", cioè non escludente la religione alla maniera francese, quale possa essere il contributo della religione (e per riflesso dell'irc) alla convivenza civile di un Paese.La mente corre subito all'accoglienza degli immigrati, al welfare che la chiesa offre a suo modo ai poveri, spesso in supplenza dello Stato, al dialogo interreligioso. Ma, da un punto di vista più fondante, forse dovremmo riflettere sul contributo che il cristianesimo ha dato alla legittimazione dello stesso ordine civile.

Approfondisci
La "Buona Scuola" alla prova dei fatti
Carla Mantelli

Ormai l’anno scolastico sta arrivando al giro di boa del secondo quadrimestre e cominciano a vedersi i primi effetti della L.107/2015 detta “La Buona Scuola”. Provo a raccontare le novità che ho notato nella mia scuola e il giudizio che me ne sono fatta.  Uno dei primi impegni che il Collegio Docenti ha dovuto assolvere è stato quello di approvare il Rapporto di Autovalutazione in base al quale è stato poi approvato il piano di miglioramento. 

Approfondisci

Se vuoi intervenire nel blog o commentare un post scrivi a blog@insegnarereligione.it