Loading color scheme

  • bambini
Siamo o non siamo superiori?
Carla Mantelli

É giusto avere una “weltanshauung” antropocentrica oppure no? Quando Dio comanda: ”Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra, soggiogatela  e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente che striscia sulla terra” (Genesi 1,28) non afferma che l’essere umano è al centro della creazione e deve dominarla in quanto essere superiore? La relazione della prof.ssa Antonella Bachiorri (Università di Parma) ascoltata lunedì scorso al secondo incontro di formazione sulla Laudato sì, ha messo in discussione la legittimità dell’impostazione antropocentrica

Approfondisci
25 novembre. Ripensare il maschile
Rita Torti

Fra l’educazione di genere e la violenza maschile contro le donne c’è un legame stretto, che da tempo le scienze della cultura e quelle psico-pedagogiche hanno individuato e analizzato. La questione, in estrema sintesi, sta nel tipo di maschilità egemone elaborato e trasmesso nei secoli passati e fino ad oggi: essendo fondato sull’inferiorizzazione del femminile e sulla legittimità del dominio maschile, esso ha un rapporto strutturale, di continuità, con la violenza degli uomini nei confronti delle donne: ne costituisce il terreno di coltura, il retroterra in qualche modo legittimante, l’orizzonte simbolico.

Approfondisci
Meditate che questo è
Carla Mantelli

Spesso mi sono chiesta come facessero gli europei a vivere negli anni 40 del secolo scorso vedendo sparire i loro vicini di casa ebrei, sapendo che venivano stipati in vagoni per merci e bestiame, sentendo dire che venivano rinchiusi in campi di concentramento... Come facevano a vivere senza fare niente, senza dire niente, continuando a svolgere una vita normale? Ora so la risposta. Facevano come facciamo noi. Su alcuni giornali (soprattutto Avvenire https://www.avvenire.it/attualita/pagine/corte-aja-libia )

Approfondisci
Onelia e le altre
Carla Mantelli

Nei giorni scorsi il SAE di Parma ha voluto ricordare Onelia Ravasini (1929-2018) a un anno dalla morte. Molti di noi l’hanno conosciuta per il suo impegno infaticabile a favore del dialogo ecumenico e interreligioso. Durante l’incontro che si è tenuto presso il salone “Carlo Buzzi” della parrocchia del Corpus Domini, hanno parlato molte e molti testimoni che hanno condiviso con Onelia un pezzo di strada. Non faccio nomi perché dimenticherei qualcuno ma desidero ricordare alcune cose belle che sono state dette di lei. Un suo ex alunno (ora anziano) che riuscì a farsi sospendere più volte e per lunghi periodi dalla frequenza scolastica

Approfondisci
Il ministro e il precariato di noi IdR
Federico Ghillani

A fronte delle gravi e lacunose dichiarazioni rilasciate dal ministro Fioramonti nel corso della presentazione delle sue linee programmatiche avvenuta presso la Camera dei deputati alle Commissioni riunite di Camera e Senato nella giornata di martedì 5 novembre u.s., vi inviamo la dichiarazione pubblica resa da Lena Gissi, Segretaria nazionale CISL Scuola, attualmente sindacato maggiormente rappresentativo del personale della scuola: “Vale per i docenti di religione quello che stiamo rivendicando in generale per tutti gli insegnanti: dare stabilità al lavoro, come diritto delle persone, che non è giusto mantenere a lungo in uno stato di precarietà,

Approfondisci