Loading color scheme

LA LIBERTÁ NELLA REGOLA

Francesca Superchi

Martedì 19 settembre, Sua Santità Tenzin Gyatzo, XIV Dalai Lama, è stato ospite del terzo Festival delle Religioni a Firenze. Diversi incontri hanno visto il leader buddhista come relatore ma una conferenza in particolare merita, a mio parere, un’attenzione: si tratta del confronto di dialogo interreligioso, intitolato “La libertà nella regola”. Al confronto con il Dalai Lama hanno partecipato Enzo Bianchi, fondatore della Comunità monastica Ecumenica di Bose, Izzedin Elzir, Imam di Firenze e presidente dell’Unione delle Comunità islamiche in Italia e Joseph Weiler, giurista e portavoce della visione ebraica.

 

L’incontro si è svolto al Mandela Forum di Firenze alla presenza di sei mila persone, oltre a numerosi uditori che hanno seguito l’evento in streaming. La conferenza è visibile su Facebook (previa registrazione al social), accedendo al profilo “Dalai Lama italiano”, nel post del 19 settembre.

La domanda di fondo su cui hanno riflettuto i relatori è come si possa conciliare un’autentica libertà religiosa con un sistema di regole che caratterizza ogni via spirituale e, all’interno di questa ampia tematica, sono state toccate tante problematiche connesse alle spiritualità: le religioni come percorsi di ricerca di senso, le diversità come fonte di fecondità e bellezza, la ricerca di ciò che accomuna gli esseri umani, l’identità che nasce dal confronto, la cultura come antidoto alla violenza, la laicità positiva, la tolleranza.

Del Dalai Lama colpisce la sua simpatia, l’espressione del suo volto e il tono della voce, unite alla sua capacità di esprimersi con un linguaggio semplice ma non banale. Dice, ad esempio: «È una cosa terribile che le religioni che sono portavoce della compassione vengano usate al fine di alimentare le divisioni. Questo avviene perché non c'è comprensione dell’altro. È completamente ridicolo e inutile usare la religione come metodo di conflitto». 

Ritengo che la conferenza possa essere per noi IdR un’occasione di formazione e di riflessione sul dialogo interreligioso e che sia utilizzabile nelle classi quarte e quinte della scuola superiore.

Per un approfondimento sulla figura del Dalai Lama e sul Buddhismo in generale, suggerisco:

  • Il libro “Che cosa è il buddhismo. Un maestro e molte tradizioni”, scritto dallo stesso Dalai Lama, edito da Mondadori, 2016.
  • Pagina del Dalai Lama su Twitter

Lascia i tuoi commenti

Commenti

  • Nessun commento trovato